Archivi autore: Davide Fabbri

Un Real cinico e spietato sbanca il Pala Marabini, Forlì si arrende con l’onore della armi

FORLI’: La Real Casalgrandese fa suo il big match di giornata imponendosi per 3-1 sul campo del Forlì escludendo di fatto i romagnoli dalla corsa al titolo. Real che infatti con tre giornate ancora da giocare rimane agganciato ad una lunghezza dalla capolista Balca che però deve ancora osservare il turno di riposo. Comprensibile come questa vittoria pesi come un macigno sull’esito finale del campionato.
Real che vince con merito e soprattutto con l’intelligenza che solo le grandi squadre mature dimostrano di avere, presentandosi al Pala Marabini con tanto rispetto e timore dei ragazzi di Vespignani che in questa stagione si sono sempre rilevati avversari ostici e mai paghi.
Vittoria costruita su una solida difesa bassa sfruttando le poche occasioni che un bel Forlì arrembante ha concesso.
Forlì che esce con l’onore delle armi e gli applausi del proprio pubblico consapevole che nel proprio percorso di crescita è stato messo un altro mattoncino per ambire a diventare nel futuro prossimo quello che la Real già è.
Col terzo posto comunque già in cassaforte, con 13 punti di vantaggio sul Santa Sofia quarto, l’obiettivo in queste ultime tre partite (i derby in trasferta a Santa Sofia e Forlimpopoli e il Parma in casa) è quello di conservare uno svantaggio di meno di dieci punti da quella che fra Balca e Casalgrande arriverà seconda per non essere estromessa dai play-off promozione.

LA PARTITA: E’ Forlì a gestire il possesso nei primi minuti ed al 3′ su assist di Benhya capitan Cangini da buona posizione non trova lo specchio in scivolata. Equilibrio che si rompe al 9′ quando su un tiro da fuori di Rapacchietta senza troppe velleità Benhya in area trova la sfortunata deviazione che spiazza Cassano. Giordano pochi minuti dopo impegna a terra Cassano mentre dall’altra parte è Horikawa ad impegnare in tuffo Garrappa che mette in corner. Sugli sviluppi del corner al minuto 18 due ottime chance per il pari con Di Maio e Cangini che impegnano severamente Garrapa. Casalgrande che agisce di rimessa e sfiora il raddoppio con una magia di Dopico che va via nello stretto in area e di esterno colpisce il palo. Raddoppio che si concretizza al minuto 26 con una splendida manovra in uscita dal pressing tra Cellurale e Giordano con il primo che in area finalizza il contropiede con un tocco sotto porta a superare Cassano. Forlì ha la doppia occasione al 28′ con Betancort per accorciare ma Garrapa risponde ancora una volta chiudendo perfettamente lo specchio. Continua a leggere

Share

OLEODINAMICA CORSARA A RIMINI, 4-1 IN RIMONTA E TERZO POSTO CONSOLDIATO

RIMINI: Dopo due pareggi consecutivi torna alla vittoria il Forlì di mister Vespignani che dopo essere andato in svantaggio in avvio di gara ribalta il risultato con una veemente reazione nella prima frazione chiusasi sul 4-1 per poi amministrare nella ripresa.
Forlì che, a quattro giornate dal termine, consolida così così la sua terza piazza col vantaggio sul Santa Sofia quarto che si dilata a 13 punti e che se fosse mantenuto da qui alla fine di almeno dieci lunghezze permetterebbe ai forlivesi di accedere direttamente alla finale play-off escludendo la quarta e la quinta classificata dal post season. Rimane invece invariato lo svantaggio sulle prime della classe col Balca secondo avanti di tre lunghezze e la capolista Real Casalgrandese, attesa la Pala Marabini sabato prossimo, avanti di cinque punti.

LA PARTITA: Forlì pericoloso al 4’ con La Corte che serve sul secondo palo un cioccolatino per Betancort che a botta sicura colpisce il montante. Al 6’ su una punizione di Timpani è Benhya in copertura sul palo a deviare la palla nella propria rete per il vantaggio dei padroni di casa. All’ 8 Vitali con una rasoterra chiama Cassano ad allungarsi in corner dai cui sviluppi nasce l’occasione per Tonini che in girata trova l’opposizione di petto di Cassano. Forlì risponde con capitan Cangini che libera Fabbri a tu per tu con Ciappini col pivot forlivese che in scivolata sfiora il pareggio. Pari che arriva comunque due minuti dopo con Benhya che fa il break a metà campo serve Horikawa al limite che di prima libera Fabbri solo a centro area che questa volta non sbaglia firmando l’1-1. All’11 capitan Cangini ci prova di potenza Ciappini respinge di pugni. Minuto 14, Di Maio servito da rimessa laterale conclude di potenza Ciappini respinge corto in area dove il più lesto è capitan Cangini che in un fazzoletto controlla e insacca la rete del sorpasso. Forlì bravo a reagire ma anche fortunato infatti al 16’ su un tiro rasoterra di Horikawa senza troppe velleità arriva una sfortunata deviazione di un difensore che inganna l’incolpevole Ciappini per l’1-3 forlivese. Forlì sfrutta il buon momento e continua a spingere sfiorando la quarta rete con una puntata di La Corte su cui Ciappini in spaccata si supera deviando in corner ma deve capitolare al 23’ quando sugli sviluppi di un corner dalla destra Salvatore da terra risolve in gol una mischia in area per l’1-4. Forlì prima dell’intervallo vicino alla quinta rete con un bel triangolo fra Cangini e Fabbri con la conclusione di quest’ultimo a fil di palo. Continua a leggere

Share

BALCA E FORLI’ SI DANNO BATTAGLIA, AL PALA MARABINI E’ PAREGGIO, IL CASALGRANDE FUGGE IN CLASSIFICA

FORLI’: Era il big match di giornata e la gara fra la prima e la terza della classe non delude le aspettative. Si chiude con un pareggio giusto una gara fra due compagini che se la sono giocata a viso aperto col Balca, passato per primo in vantaggio, abile a rimontare per due volte un Oleodinamica Forlivese capace di portarsi al riposo avanti per 2-1 per poi riportarsi in vantaggio nella ripresa trascinato da uno straripante Benhya. Ad approfittarne è la Real Casalgrandese che in casa della Mader non fa sconti e ora a cinque giornate dal termine guida la classifica con due lunghezze sul Balca e cinque sul Forlì.

LA PARTITA: Ospiti subito in vantaggio al primo affondo al terzo minuto con Gamberini abile in spaccata sul secondo palo a finalizzare in rete un tiro di Conti. Forlì che reagisce e trova il pareggio al nono minuto con uno schema da fallo laterale con Cangini che trova Benhya sul secondo palo appostato ad insaccare il pareggio. Forlì si fa pericoloso ancora con Fabbri in un paio di circostanze poi all’11 Betancort da fermo colpisce il legno con una precisa puntata. Al 14′ Fabbri la mette ancora sul secondo per l’accorrente Benhya che calcia a lato. Balca che assorbito il colpo riordina le idee e chiude Forlì sulla difensiva ma l’unica vera occasione la crea al 23′ con una girata di Qerreti su cui si distende Cassano. Quando la prima frazione sembrava concludersi in parità arriva in pieno recupero il break di Benhya che recupera palla sulla tre quarti e a tu per tu con Di Bitonto calcia di potenza, l’estremo difensore si oppone di petto ma non può nulla sul tap in vincente di Betancort. Continua a leggere

Share

OLEODINAMICA FORLIVESE STRAPPA IL PARI NEL FINALE IN CASA DELLA PORTUENSE

POGGIO RENATICO (FE): Un Forlì non brillante incappa in un mezzo passo falso sul campo della Portuense riacciuffando solo nel finale il definitivo pareggio (4-4) dopo che a cavallo dei due tempi i padroni di casa avevano ribaltato il doppio svantaggio accumulato nella prima metà di gara. Un punto che consente comunque ai ragazzi di mister Vespignani di rimanere al terzo posto in graduatoria a meno tre dalla coppia Real Casalgrnandese – Balca con quest’ultimi attesi sabato prossimo al Pala Marabini per quello che sarà il match di punta della settima giornata di ritorno.

LA PARTITA: Padroni di casa in vantaggio alla prima occasione con Iaia che al 4′ direttamente da corner sorprende Cassano complice una carambola sfortunata. La reazione forlivese è veemente con Benhya servito da Cangini che di potenza dalla distanza pareggia al 6′ e al 18′ ribalta il risultato con un rasoterra ad incrociare di Simone. Forlì allunga al 23′ con la terza rete firmata da capitan Cangini puntuale a centro area all’appuntamento col gol su perfetto assist di Betancort da corner. Sembrerebbe il preludio ad un pomeriggio tranquillo invece i padroni di casa rimontano a cavallo dell’intervallo con la rete del 2-3 al 27′ della prima frazione firmata in contropiede da Biral e col 3-3 firmato da Bock al 2′ della ripresa abile sul secondo palo ad insaccare sul tiro di Nigro. Sulle ali dell’entusiasmo la Portuense ribalta il risultato al 13′ con la rete del 4-3 di Curci. Forlì ha subito l’occasione del pari con Horikawa che colpisce il palo ma rischia poi di capitolare sul susseguente contropiede con Cassano chiamato al miracolo. Al 24′ altra occasione per l’Oleodinamica ma Benhya dal dischetto del tiro libero spreca l’occasione per il pareggio che arriva comunque al minuto 28 con capitan Cangini che finalizza un azione corale col quinto di movimento per il 4-4 finale. Continua a leggere

Share

Turno di riposo per l’Oleodinamica Forlivese, mister Aldini lancia la volata finale

Weekend da spettatori per l’Oleodinamica Forlivese che osserverà il turno di riposo nel recupero della prima giornata di campionato che si giocherà questo sabato. Settimane utile per smaltire le tossine di un fitto calendario e per preparasi al meglio al rush finale coi galletti in piene bagarre in vetta alla classifica con Real Casalgrandese e Balca.
A stilare un primo bilancio della stagione è Carlo Aldini, braccio destro di mister Vespignani: “ Non possiamo che ritenerci soddisfatti dei nostri ragazzi – racconta il tecnico – ad inizio stagione avevamo l’obbiettivo di far bene ma soprattutto di crescere come collettivo valorizzando i nostri giovani talenti. Io e il mister siamo persone ambiziose ma confesso che non ci saremmo mai aspettati questa classifica. I ragazzi stanno veramente dando tutto quotidianamente da fine agosto e questi risultati ne sono la diretta conseguenza”.
Parole che traspirano enorme orgoglio e stima in questo gruppo: “Il gruppo deve la sua forza allo spogliatoio, alla voglia di sacrificarsi l’uno per l’altro, al saper soffrire assieme; questa è l’essenza di essere squadra e loro lo sono. Dobbiamo continuare a lavorare su questi basi, si può sempre migliorare sia nei dettagli sia nella mentalità alla continua ricerca della crescita del singolo e del collettivo”.
E allora cosa costa sognare:”Senza sogni non si vive, si sopravvive – chiosa Aldini – mancano sette gare, quattro sono trasferte di cui tre derby con squadre che cercano ancora punti salvezza; ovviamente nessuno ci farà regali, ma ora che siamo lì abbiamo il dovere di provarci”.
Una consapevolezza acquisita definitivamente nella semifinale di Coppa persa solo ai rigori contro la Casalgrandese: “Perdere brucia sempre, così ancora di più, ma è il bello di questo sport. Da questa gara abbiamo definitivamente assunto la consapevolezza di potercela giocare fino alla fine, i ragazzi hanno subito reagito con le due vittorie della settimana scorsa cancellando la delusione delle Final Four”. Continua a leggere

Share