IL DERBY PARLA BIANCOROSSO: FORLI’ PASSA PER 7-2 SUL CAMPO DEL SANTA SOFIA E CHIUDE IL GIRONE D’ANDATA AL SECONDO POSTO SOLITARIO

SANTA SOFIA (FC): Ennesima prova convincente dei ragazzi di mister Vespignani che liquidano a domicilio la pratica Santa Sofia con un rotondo 7-2. Partita dal pronostico apparentemente scontato alla viglia visto la classifica ma che ha sempre riservato parecchie insidie ai forlivesi sia per le dimensioni del campo sia per le motivazioni che questo derby suscita su ambo le contendenti e il pirotecnico pareggio della passata stagione ne è la dimostrazione.

Forlì che non cade nel tranello di sottovalutare l’impegno sul campo dell’ultima della classe e con una prima frazione di spessore indirizza la gara col Santa Sofia che prova a rimanere aggrappata al risultato andando al riposo sotto di sole due reti ma nella ripresa gli ospiti chiudono la pratica dilagando fino al 7-2 finale. A tabellino le doppiette di Benhya e Fabbri e le marcature di Di Maio, capitan Cangini e Salvatore.

LA PARTITA: Prima occasione per gli ospiti al 2′: sponda di Cangini per Benhya che arriva a rimorchio e scalda le mani a Perini. Padroni di casa che rispondono al 4′ con un rasoterra di Salvadorini che Cassano in spaccata mette in corner. Al 6′ su un rilancio di Cassano, Di Maio si coordina al volo, traversa piena. Match che si sblocca al 12′ con una punizione da metà campo di Benhya che sorprende Perini. Forlì è spietato e sulle ali dell’entusiasmo trova subito il raddoppio: corner teso di Simone, Perini respinge corto in area dove il più lesto è Fabbri che insacca lo 0-2. Forlì avrebbe subito il colpo del ko ma la bomba di Benhya al 15′ si stampa sulla traversa.

Sanata Sofia rimette fuori il naso al 20′ con un tiro a fil di palo di Ghiberti e poi trova la rete dell’1-2 al 22′ con Casamenti lesto a centro area ad insaccare dopo un disimpegno errato della difesa forlivese. Ma è solo un fuoco di paglia infatti nel giro di due minuti Forlì allunga sul triplo vantaggio: al 23′ Di Maio al limite dell’area devia in rete un rasoterra di Ishitsuka poi trenta secondi dopo lo stesso Di Maio agisce da sponda per Benhya che si inserisce a rimorchio e di punta firma l’1-4. Padroni di casa che tentano di rimanere in partita trascinati da Casetti che al 27′ vince un contrasto con l’ultimo difensore forlivese, si gira e fredda Cassano per il 2-4. Prima dell’intervallo Salvadorini ci prova dalla distanza ma Cassano mette in corner.

Nella ripresa Forlì è subito pericoloso con un rasoterra a fil palo di Benhya al 1′, poi un minuto dopo capitan Cangini, liberato in area su un corner di Benhya, spara incredibilmente alto. Forlì è comunque padrone del campo e a metà tempo assesta due colpi che chiudono definitivamente la pratica: al 15′ Fabbri firma la sua doppietta personale finalizzando sul secondo palo una perfetta ripartenza iniziata da Benhya e rifinita da Simone poi al 19′ lo stesso Fabbri di prima fa correre capitan Cangini sull’out di sinistra abile a segnare il 2-6 con una precisa puntata rasoterra sul palo opposto. Il finale è pura accademia e al 22′ Benhya libera Salvatore in area che supera Perini con un tocco morbido per il definitivo 2-7. Al 29′ potrebbe arrivare anche la prima rete in maglia forlivese di Ishitsuka ma il suo rasoterra si stampa sulla base del palo. Continua a leggere

Share

MISTER ALDINI TIRA LE SOMME DEI PRIMI MESI DI LAVORO

Settimana di intenso lavoro per i galletti che sabato non scenderanno in campo dovendo osservare il turno di riposo nella decima giornata del girone d’andata. Occasione per fare il punto della prima parte di stagione con il vice allenatore della prima squadra Carlo Aldini che torna sulla pesantissima vittoria sul campo del Villafontana che ha consolidato i romagnoli al secondo posto in classifica: “La chiave di svolta che ci ha portato a questa importantissima vittoria è stata sul piano mentale -spiega il tecnico – avevamo affrontato le nostre contendenti dirette in classifica tutte in trasferta con un bilancio non sempre positivo ed era il momento di cambiare marcia. Quello del Villafontana è un campo dove in tanti lasceranno punti pesanti e questa vittoria a fine campionato potrà pesare come un macigno. Abbiamo preparato la gara cercando di impostare un ritmo altissimo e ci è riuscito alla perfezione meritando la vittoria”.

E dopo la sosta il derby più sentito, ancora in trasferta, sul campo del Santa Sofia nell’ultima giornata del girone d’andata: “Classifica alla mano è evidente che è una squadra in difficoltà ma siamo consapevoli che quel campo ci ha sempre creato difficoltà ed in più essendo un derby i nostri avversari troveranno stimoli grandissimi. Non dobbiamo cadere nella presunzione di andare sul campo dell’ultima della classe a fare una passeggiata”.

Un Forlì che anche quest’anno si sta confermando in pianta stabile nell’elite del futsal regionale: “Non possiamo che essere soddisfatti di questi primi mesi di attività – continua Aldini – partivamo da un gruppo consolidato su cui sono stati fatti innesti importanti come Artoum, che ci ha già dato un importante contributo fin da subito, e Panara che causa l’infortunio non ce lo siamo ancora potuto godere appieno ma sono certo che verrà fuori nella seconda parte di stagione”. Continua a leggere

Share

PROVA DI FORZA DEL FORLI’ CHE SUPERA IL VILLAFONTANA A DOMICILIO E FUGGE AL SECONDO POSTO IN SOLITARIA

MEDICINA BO: Prova autoritaria del Forlì di mister Vespignani che espugna il campo del Villafontana al termine di una prestazione maiuscola. Dopo il vantaggio iniziale dei padroni di casa Forlì ribalta il risultato già nella prima frazione prima di allungare fino al 6-1 nella ripresa; nel finale reazione tardiva dei padroni di casa che trovano tre reti in pochi minuti che fissano il 7-4 finale.

Forlì che con la vittoria nel big match di giornata fra le seconde della classe allunga sui bolognesi consolidando il secondo posto solitario ad inseguire il Bagnolo ancora a punteggio pieno che sabato prossimo ospiterà proprio il Villafontana col Forlì, che ha giocato una gara in più di entrambe, che osserverà il turno di riposo. Forlì che tornerà quindi in campo solo sabato 26 novembre quando nell’ultima giornata del girone d’andata farà visita ai cugini del Santa Sofia.

LA PARTITA: Padroni di casa che passano al primo vero affondo con Lesce che al 5′ trova il corridoio giusto per servire Barillaro che solo in area supera Cassano con un tocco morbido d’esterno. La reazione forlivese è comunque veemente e col passare dei minuti la formazione di Vespignani chiude i padroni di casa sulla difensiva. Al 10′ Youness scalda le mani ad un attento Fuzio mentre dall’altra parte su azione di rimessa è Malafronte a farsi ipnotizzare dall’uscita di Cassano. Forlì ha comunque preso possesso del gioco e trova il meritato pareggio al 20′ con Salvatore che si avventa su un pallone rimpallato sui dieci metri E trova con una puntata nell’angolino basso il pareggio.

Al 23′ Simone libera Cangini a centro area ma il capitano forlivese si vede strozzare l’urlo del gol dalla parata miracolosa di Fuzio. Gioia del gol solo rinviata di una trentina di secondi quando Salvatore smarca il capitano sul centro destra che di punta trafigge Fuzio che non trattiene la sfera. Forlì potrebbe allungare già a fine frazione ma prima Di Maio e poi Fabbri sprecano due ghiotte occasioni e si va al riposo sul 2-1 per gli ospiti.

Pronti via nella ripresa e Forlì affonda nuovamente al 3′: Salvatore imbuca per Di Maio che al limite dell’area si gira da pivot navigato ed insacca di potenza il 3-1. Panara avrebbe subito l’occasione per il 4-1 ma Bianchini, subentrato nella ripresa a Fuzio, sventa. Al 13′ Lesce avrebbe la palla per riaprire la contesa ma sulla sua botta a colpo sicura dal limite dell’area Cassano d’istinto mette in corner strozzando l’urlo in gola ai tifosi locali che già pregustavano la rete. Al 16′ l’episodio che spiana la strada ai romagnoli: Lesce, già ammonito, perde palla sulla pressione di Simone e lo trattiene vistosamente da dietro rimediando un sacrosanto giallo che vale l’espulsione; Forlì in superiorità non si fa pregare e in nemmeno 30 secondi trova la rete del 4-1 con un tap-in di Cangini Greggi, alla seconda doppietta personale in 15 giorni, dopo una prima respinta di Bianchini su tiro di Di Maio.

Continua a leggere

Share

DALL’INFERNO AL PARADISO: SOTTO DI TRE RETI DOPO OTTO MINUTI FORLI’ RIBALTA IL BARACCALUGA

FORLI’: Dall’inferno al paradiso, sotto di tre reti dopo solo 8 minuti il Forlì di mister Vespignani risorge come l’araba fenice e prima acciuffa il pareggio allo scadere della prima frazione poi nella ripresa completa ila rimonta allungando fino al 6-4 finale.

Forlì che torna così alla vittoria dopo l’inciampo di Ferrara della settimana scorsa e riaggancia al secondo posto a quota 16 il Villafontana, che ha però una gara in meno avendo osservato in questa giornata il turno di riposo, e sabato prossimo a Medicina andrà in scena lo scontro diretto per quello che sarà il match clou di giornata.

LA GARA: Avvio shock per i galletti che capitolano due volte nei primi 120 secondi con gli ospiti a segno prima con Crisci, abile a controllare un pallone vagante e superare Cassano con una suolata depositando in rete l’1-0, e con Franca un minuto dopo che ruba palla all’ultimo difensore forlivese salta Cassano e deposita in rete il 2-0. Mister Vespignani cambia in blocco i quattro di movimento e Forlì prova la reazione attaccando a testa bassa ma all’8 Storto ruba palla sulla propria tre quarti e si lancia solo verso la porta forlivese, finge lo scarico al compagno che ha seguito il contropiede e segna con una botta sul primo palo lo 0-3.
Forlì è una belva ferita ma non affossata e al 13′ arriva la fiammata di Artoum che ruba palla a Storto in pressione, salta un difensore e a tu per tu con Bardugoni segna l’1-3 che riaccende le speranze. Al 15′ è ancora Artoum che si mette in proprio ma il suo rasoterra si stampa sulla base del palo. Si arriva così al minuto 22 quando Cassano lancia lungo con le mani trovando Fabbri libero al limite dell’area opposta abile a coordinarsi e con una splendida sforbiciata al volo segna il 2-3 tra gli applausi di compagni ed avversari per la prodezza.
L’inerzia del match è definitivamente girata e il Baraccaluga non riesce più ad uscire dai sui 16 metri: al 28′ Salvatore dalla sinistra calcia teso sul secondo palo, Bardugoni devia sui piedi di Di Maio che da due passi a porta vuota colpisce incredibilmente il palo. Forlì vuole comunque il pari prima dell’intervallo e lo trova al minuto 32: Benhya imbuca per Fabbri al limite dell’area che premia con un perfetto scarico l’inserimento dello stesso Benhya che arriva a rimorchio e di potenza pareggia.

Il Baraccaluga è alle corde e anche alla ripresa delle ostilità c’è solo una squadra in campo e al 2′ Forlì passa in vantaggio: sugli sviluppi di un corner dalla destra Artoum libera dalla parte opposta Fabbri che tutto solo al limite dell’area firma la sua personale doppietta.
Dopo l’assist Artoum è scatenato e cerca anche lui la gioia personale della doppietta: al 3′ e al 5′ dopo aver seminato il panico raccoglie il secondo palo di giornata ed una traversa ma poi al 7′ dopo una discesa sulla sinistra trova finalmente il diagonale vincente per il 5-3. Continua a leggere

Share

Trasferta amara per i galletti, la X Martiri imbriglia i forlivesi e si aggiudica la contesa

JOLANDA DI SAVOIA (FE): Trasferta amara per i ragazzi di mister Vespignani che escono sconfitti con una rete per tempo sul campo dell’ostica X Martiri, squadra molto giovane ma che in questa categoria può dire la sua e la vittoria di oggi sul Forlì ne è la conferma. Forlì che tiene le redini del gioco per tutto l’arco dei 60 minuti ma che non riesce a trovare le soluzioni per sfondare e anche quando riesce a superare la difesa ferrarese trova un Montanari sugli scudi che si rivelerà il migliore in campo.

Forlì che interrompe così la sua striscia di cinque risultati utili consecutivi e scivola al terzo posto in classifica con 13 punti, col Bagnolo (18 punti) che continua la sua marcia a punteggio pieno in vetta e il Villafontana (16 punti) che non ha problemi in casa col Santa Sofia e allunga sui forlivesi. Al quarto posto a quota 12, ma con una gara in meno dell’Oleodinamica, sale il Sassuolo che si impone di misura sul campo del Baraccaluga, prossimo avversario avversario del Forlì sabato prossimo al Pala Marabini, che fermo a 9 punti si vede superare al quinto posto proprio dalla X Martiri salita a quota 10.

LA PARTITA: Forlì parte col pallino del gioco in mano e nel primo quarto d’ora impegna Montanari prima con Benhya e poi con Artoum e quando non ci arriva l’estremo difensore dei padroni di casa è il palo a negare il vantaggio ai romagnoli. Al 13′ ci prova anche Simone ma il suo tiro sfiora il montante. E’ un buon Forlì che costringe a ripetuti falli i padroni di casa che esauriscono il bonus già al 18′ ma Minotti spara alto di potenza il tiro libero. Dal possibile vantaggio alla beffa infatti un minuto dopo su un brutto errore in disimpegno della difesa forlivese la X Martiri riparte e con tre tocchi di prima consegna a Bueno la palla del vantaggio da appoggiare in rete a porta vuota. Forlì guadagna un altro tiro libero al 25′, stavolta calcia Artoum, ma Montanari avanza e ribatte in corner difendendo l’1-0 con cui si va al riposo.

Nella ripresa il copione non cambia con Forlì che prova a dettare il ritmo della gara e la X Martiri chiusa e pronta a pungere di rimessa. Al 4′ la più ghiotta occasione per il pareggio capita ad Artoum che si libera al limite ma sul suo tiro a botta sicura ancora Montanari si supera e mette in corner.

Al 7′ ancora X Martiri spietata: errore in impostazione del Forlì e verticalizzazione improvvisa dei padroni di casa sul pivot che sull’uscita di Cassano scarica per l’accorrente Gonzalez che brucia tutti e insacca a porta vuota il raddoppio. Continua a leggere

Share