FORLI’ CALA IL POKER A SENIGALLIA NELL’ANDATA DELLA SEMIFINALE PLAY OFF

SENIGALLIA (AN): Impresa dei ragazzi di mister Vespignani che nell’andata della semifinale play-off espugnano il Pala Panzini di Senigallia, dove l’Audax quest’anno aveva sempre vinto ad eccezione di un’unica sconfitta, con un rotondo 4-0 che mette una seria ipoteca sulla qualificazione alla finale play-off. Sabato prossimo al Pala Marabini alle ore 16 la gara di ritorno.

Dopo una prima frazione terminata a reti bianche Forlì sblocca la gara in avvio di ripresa sugli sviluppi di un corner, poi al termine di una ripresa giocata a ritmi incessanti, dove i portieri Cassano e Chiarizia si rendono protagonisti, è capitan Cangini a trovare il due zero a due dal termine. Negli ultimi due giri di lancette l’Audax va in tilt e Forlì, spietato, ne approfitta allungando ulteriormente fino al 4-0 finale.

LA PARTITA: La prima azione degna di nota è per i padroni di casa al 4′ con Toppi che mette in mezzo per Carletti che sulla linea di porta tentenna e Cassano salva. Dall’altra parte all’8′ è Simone a sfiorare il palo con fendente a mezz’altezza. Sempre all’8′ ci prova Bikai dalla distanza, Cassano vola e mette in corner. All’11 ‘ corner di Benhya dalla destra che libera Salvatore al limite, botta centrale che esalta i riflessi di Chiarizia. Al 13′ ancora Forlì con Salvatore che premia l’inserimento di Vittozzi che entra in area ma calcia sull’esterno della rete. Al 15’ Benhya taglia palla al piede tutto il campo ma trova ancora Chiarizia abile a negargli il gol in spaccata. La prima frazione scivola via così sullo 0-0 fino all’intervallo. Continua a leggere

Share

IL DIESSE GHIRELLI RINNOVA: SARA’ LA SESTA STAGIONE DA RESPONSABILE DELL’AREA SPORTIVA

Come ovvio che sia l’attenzione generale nell’ambiente forlivese è alla doppia sfida contro l’Audax 1970, andata nelle Marche il 20 maggio ritorno il sabato successivo al Pala Marabini di Forlì, valevole per il primo turno nazionale dei play off promozione.
Ma in casa Forlì non si vuole perdere tempo e si stanno gettando le basi per la prossima stagione.
Primo fondamentale ed imprescindibile tassello è la conferma del diesse Maicol Ghirelli che ricoprirà il ruolo di responsabile dell’area sportiva per la sesta stagione consecutiva: “Per motivi personali ho passato un periodo un po’ turbolento ma ho cercato di fare il possibile per non far mancare il mio apporto alla società durante questa lunga stagione – spiega Ghirelli – voglio ringraziare il Vice Presidente Massimo Conficconi e tutto lo staff dirigenziale che che mi hanno supportato e appoggiato in questo momento delicato facendomi sempre sentire la fiducia e la stima che ripongono in me. Sono molto orgoglioso e motivato di poter continuare a svolgere il mio lavoro per questa società”.

“Stiamo già programmando la prossima stagione concentrandoci sulle fondamenta. Da luglio sono già certi gli ingressi di alcuni nuovi dirigenti che ci permetteranno di potenziare strutturalmente la società ed avere un modus operandi sempre più organizzato e professionale possibile”.

Ma prima c’è da concludere questa stagione che potrebbe riservare altre grandi soddisfazioni sportive: “Ci stiamo preparando per disputare la fase nazionale dei play-off promozione – racconta il diesse – una manifestazione molto difficile che richiede la massima organizzazione. Come società dobbiamo e vogliamo farci trovare pronti per supportare al meglio staff tecnico e giocatori in questa doppia semifinale”. Continua a leggere

Share

FORLI’ DA SOGNO NELLA FINALE PLAY OFF, IL 4-3 NEL DERBY CON FAENZA VALE L’ACCESSO ALLA FASE NAZIONALE

FORLI’ (FC): Dopo dodici mesi la truppa di mister Vespignani torna a giocarsi la finale play off regionale, questa volta tra le mura amiche del Pala Marabini essendosi qualificata come seconda della fase regolare, questa volta con un risultato diverso dal 1-2 con cui un anno fa l’Oleodinamica si era dovuta arrendere al Balca calcio a 5 in quel di Baricella.
4-3 in favore dei galletti recita il tabellino finale, nella gara più importante, nella gara più sentita, il derby con la Mernap Faenza che con l’onore delle armi, al termine di una vera e propria battaglia, è costretta ad applaudire i cugini forlivesi che si qualificano con merito alla fase nazionale dei play off per la promozione in serie B dove nel primo dei due turni previsti dovranno vedersela con chi vincerà i play off marchigiani. L’andata si giocherà il 20 maggio in terra marchigiana, il ritorno la settimana successiva al Pala Marabini di Forlì; la vincente si andrà a poi a giocare la promozione nella serie cadetta nel successivo turno, sempre in doppia gara, contro la vincente fra Toscana ed Umbria.

LA PARTITA: Padroni di casa che spingono subito sull’acceleratore ed al 2′ dopo uno scambio di prima con Salvatore, Benhya libero al limite dell’area calcia fuori. Non passano nemmeno sessanta secondi che Forlì capitalizza il forcing con capitan Cangini che libera Di Maio sul centro sinistra che insacca con una puntata sotto la traversa il vantaggio. Forlì potrebbe subito raddoppiare ancora con Benhya che tutto solo davanti a Pagliai si fa ipnotizzare dall’estremo ospite che mette in corner in bello stile. La Mernap sembra alle corde ma dal nulla, al nono, alla prima vera occasione su una verticalizzazione di Cedrini, El Oirraq scappa sulla sinistra e da posizione defilata supera Cassano in uscita per il pareggio. Forlì avrebbe subito all’11’ l’occasione di riportarsi in vantaggio con Fabbri che libera Salles al limite ma Paglia in spaccata dice no al brasiliano.
Col passare dei minuti la gara si fa più tattica e non si segnalano occasioni pericolosi fino agli ultimi cinque minuti quando torna protagonista ancora Pagliai che si allunga in corner sul diagonale di Salles al 25′ e poi salva su una botta di Salvatore con un riflesso di spalla al 30′ e si va così al riposo sull’1-1 che va decisamente stretto ai forlivesi.

Nella ripresa sono gli ospiti a partire forte con Argani che crea scompiglio: al 2′ il numero sette degli ospiti si presenta a tu per tu con Cassano e passa a Gardi che in scivolata a porta vuota impatta male e la difesa forlivese spazza, poi un minuto dopo si mette in proprio e con un diagonale rasoterra chiama Cassano al miracolo in spaccata. Ma nel momento migliore dei faentini, alla prima occasione della frazione, Forlì torna in vantaggio: capitan Cangini recupera palla sulla tre quarti avversaria e serve Simone che si accentra e insacca il 2-1 con una puntata rasoterra nell’angolino destro al 5′. Continua a leggere

Share

Mister Vespignani punta la finale play off: “Dovremo dare il massimo per non avere rimpianti, poi sarà il campo ad emettere il proprio verdetto”

Ad una settimana dalla finale play off torna a parlare mister Vespignani che stila un bilancio della stagione regolare conclusasi a fine marzo: “ E’ stato un campionato, rispetto le passate stagioni, sicuramente più equilibrato e livellato verso l’alto con tante squadre ben attrezzate – racconta il mister – siamo riusciti a migliorare il terzo posto della passata stagione chiudendo al secondo posto e qualificandoci come lo scorso anno direttamente alla finale play-off. I miei ragazzi si sono dimostrati un gruppo ambizioso che con umiltà e dedizione ha saputo migliorare allenamento dopo allenamento. Non posso che ritenermi soddisfatto di quanto fatto fin’ora”.

Un campionato più equilibrato dove comunque il Forlì ha saputo confermarsi ai vertici ma dove comunque non sono mancati periodi complicati : “Fanno parte della stagione, sono periodi che devi saper gestire per prendere consapevolezza e crescere mentalmente – spiega Vespignani – sicuramente rimane il rammarico per il mese di dicembre dove siamo stati eliminati dal Villafontana in Coppa Velez e in maniera beffarda col sorteggio dalla Coppa Italia dopo il secondo posto nel girone. Il morale a fine 2022 era sicuramente a terra ma siamo stati bravi a gestire il momento e reagire. Questo gruppo è sempre rimasto unito e abbiamo reagito da squadra matura andandoci a conquistare questo importantissimo secondo posto”.

Una stagione dove il mister e il suo staff hanno dovuto sopperire anche a grossi infortuni che hanno privato il rooster di elementi acquistati nel mercato estivo per elevare il tasso tecnico come il fuoriclasse marocchino Artoum Youness e Lorenzo Panara: “Non avremo mai la riprova di cosa potesse essere stato con la rosa completa, ma sarebbe ipocrisia negare il valore di questi due atleti che in categoria hanno sempre fatto la differenza – spiega il tecnico – ma parlare di chi purtroppo non ha potuto dare il proprio contributo mi sembra ingeneroso verso questo gruppo che ha lavorato intensamente tutta la stagione in maniera ineccepibile, valorizzando al meglio i singoli con un lavoro sul gruppo, sopperendo a queste assenze portando cinque giocatori in doppia cifra e altri due a quota nove reti”.

Ma ora l’attenzione è tutta alla finalissima del 22 aprile: “Stiamo lavorando molto bene ed intensamente, abbiamo deciso la prima settimana dopo l’ultima di campionato di dare un meritato giorno libero poi siamo tornati a lavorare a regime inserendo anche qualche amichevole”.
E sabato pomeriggio dalla semifinale fra Mernap Faenza e Futsal Sassuolo si saprà chi sarà l’avversaria dei galletti e stuzzichiamo il mister chiedendogli chi preferirebbe: “ Tra le due preferisco il Forlì! Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi – risponde prontamente il mister – sono entrambe ottime squadre, con caratteristiche molto diverse, ma entrambe con organici importanti. Giocheremo davanti al nostro pubblico, dovremo dare il massimo per non avere rimpianti, poi sarà il campo ad emettere il proprio verdetto”.

Finale che comunque non varrà la promozione diretta in serie B, infatti il direttivo nazionale ha confermato ulteriori due successivi turni interregionali per centrare la promozione: “Ne prendiamo atto ma a noi non cambia nulla, siamo concentrati solamente sulla finale regionale, una gara secca da dentro fuori, poi se il campo premierà noi sono certo che, sia come società sia come staff, ci organizzeremo al meglio per affrontare la fase successiva”.

Concentrazione e determinazione emergono dalle parole di mister Vespignani che ci tiene a concludere ringraziando chi ha collaborato con lui: “A prescindere da quello che sarà il risultato della finale ci tengo a rendere merito a tutti i miei collaboratori dello staff tecnico, a tutta la società, a tutti i nostri tifosi ma soprattutto a tutti i miei ragazzi che mi hanno dato piena disponibilità lavorando da settembre con professionalità e serietà e da allenatore non posso che essere fiero di loro. Questo è un gruppo che si merita il mio plauso dal più giovane al più esperto perché se oggi siamo tornati a giocarci la finale regionale il merito principale va loro”.

Share

Il tecnico delle giovanili Visani fa il punto sul settore giovanile forlivese

Con la prima squadra che sta preparando la finale regionale play-off del 22 aprile, e con le formazioni giovanili che nel weekend pasquale non scenderanno in campo, quale miglior occasione per fare il punto sul settore settore giovanile col mister di Under 21 e Under 19 Davide Visani subentrato da un paio di mesi sulla panchina forlivese: “Non è mai facile prendere una squadra in corsa soprattutto se formata da ragazzi giovanissimi per lo più alla prima esperienza nel Futsal – spiega il tecnico – sono comunque molto soddisfatto della loro attitudine al lavoro e dell’impegno che ci mettono con passione ed entusiasmo per cercare di migliorare seguendo con attenzione le indicazioni mie e del mio staff”.

Anche se l’ultimo posto finale nel campionato Under21 concluso nel mese di marzo, risultato tutt’altro che gratificante, può comunque essere letto in prospettive incoraggianti: “ Con un gruppo alle prime esperienze nel futsal e ampiamente sotto età non ci si poteva aspettare tanto dal campionato in termini di risultati sportivi – spiega Visani – sicuramente sono contento di vedere un gruppo sempre più unito e legato alla società, ovvio che da tecnico mi aspetto sempre dei miglioramenti sia tecnicamente che mentalmente e mi riterrò pienamente soddisfatto quando il gruppo inizierà a portare a casa risultati o per lo meno riuscirà a giocarsi le partite alla pari uscendo dal campo a testa alta”.

Consapevolezza e tanta voglia di lavorare sul campo emergono chiaramente dalle parole del mister che in questo mese di aprile si sta sdoppiando fra Under 21 e Under 19 entrambe impegnate nei gironi delle rispettive Coppe regionali: “Abbiamo diviso il numeroso gruppo a disposizione in base all’età per permettere soprattutto ai più giovani di confrontarsi con ragazzi coetanei o poco più grandi. Le principali difficoltà sono a livello logistico ma lo staff si è organizzato al meglio per seguire i ragazzi ed io in primis cerco di dare il massimo trasmettendo questa mia passione per il futsal sacrificando la vita privata. La gratificazione più grande sarebbe quella di andare più avanti possibile in queste competizioni ma sono consapevole che non sarà facile raffrontandoci con realtà che praticano settore giovanile da molti anni”.

Share