Archivi autore: Davide Fabbri

IL CAMPIONATO DELL’OLEODINAMICA FORLIVESE TERMINA CON UNA GOLEADA, ORA TESTA ALLA SEMIFINALE DI COPPA VELEZ

FORLI’: Nell’ultima giornata di campionato l’Oleodinamica Forlivese strapazza il Baraccaluga sceso a Forlì con il solo titolare Elghachi in distinta ed otto under 21. Il 14-1 finale, 5-1 già a fine primo tempo, lascia ben poco da dire sull’andamento a senso unico del match. Forlì che chiude così il campionato con una striscia positiva di sei risultati utili consecutivi: dopo i 12 punti conquistati nel girone d’andata Forlì cambia marcia nel girone di ritorno dove ottiene ben 20 punti, rendimento secondo solo alle prime della classe che gli ha permesso di mettere in cassaforte la salvezza con largo anticipo e risalire fino al sesto posto finale a quota 32 appaiata al Crevalcore che chiude quinto in virtù degli scontri diretti favorevoli.
Forlì che arriva così nei migliori dei modi alla settimana dedicata alla fase finale del Memorial Alfonso Velez con l’impegno di giovedì sera sul campo del Guastalla, semifinale secca che decreterà chi andrà a giocarsi la finale di sabato al Pala Savena di Bologna contro la Pro Pratia che sabato pomeriggio ha espugnato dopo i calci di rigore il campo del Gatteo nella prima semifinale.

LA PARTITA: Pronti via e Giagnorio libera Albu che colpisce la traversa mettendo subito in chiaro quale sarà il filone della partita. Gara che si sblocca al 4′ quando Vittozzi sull’out di destra suola per l’accorrente Giagnorio che di punta incrocia in rete il vantaggio. Ospiti che nei primi minuti contengono bene in fase difensiva ed all’ottavo Elghaci si invola in contropiede e supera Beltran con un tocco morbido per il pareggio. Forlì continua ad attaccare ma il risultato resterà in parità fino al 18esimo quando Castorri con un rasoterra in mischia sorprende Barani. Il 2-1 fa crollare le poche certezze dei giovani piacentini che capitolano altre tre volte prima dell’intervallo: sempre al diciottesimo Castorri firma il 3-1 con una botta sotto la traversa, al 19′ Albu libera al limite Giagnorio che devia di prima in rete di punta ed infine a dieci secondi dalla sirena è lo stesso Albu a dribblare nello stretto al limite dell’area e segnare il 5-1 con cui si va al riposo. Continua a leggere

Share

L’INTERVISTA DELLA SETTIMANA: Rustignoli e Masotti soddisfatti della stagione dell’Under21 e già al lavoro per la prossima stagione

Terminato il campionato Under 21 con la vittoria di domenica scorsa sul San Marino, i due responsabili del settore giovanile Federico Rustignoli e Andrea Masotti, analizzano la stagione della selezione giovanile biancorossa: “Non possiamo che essere soddisfatti del lavoro svolto – gonfia il petto Rustignoli – è un progetto nato da zero nell’estate 2022 e a due anni di distanza dobbiamo andare orgogliosi di quello che è stato costruito. Il numero di tesserati è in costante aumento, tanti ragazzi si stanno ritagliando un ruolo importante anche in prima squadra e i risultati sportivi dell’Under hanno avuto un importante impennata”.
Dopo 8 partite di campionato infatti i giovani galletti erano ancora fermi al palo all’ultimo posto in classifica per poi conquistare nelle restanti 11 partite ben 27 punti tenendo il passo delle prime della classe e risalendo fino al sesto posto finale: “Il cambio di allenatore dopo la prima giornata con l’avvicendamento tra Visani e Casadei dopo un naturale periodo di adattamento ha dato i suoi frutti – spiega Masotti – mister Casadei ha ridato entusiasmo al gruppo che lavorando con serenità e coinvolgimento ha effettuato un evidente salto di qualità”.
Ma oltre che la sapiente guida tecnica di mister Casadei anche il lavoro di scouting dei due direttori ha contribuito al cambio di rotta: “Siamo partiti con un gruppo di ragazzi molto giovane decisamente sotto età per il campionato a cui partecipavamo – precisa Rustignoli – a stagione iniziata siamo riusciti ad implementare la rosa con ragazzi più maturi capaci di fare da subito la differenza e di questo ne hanno beneficato anche i più giovani che con meno responsabilità sulle spalle hanno potuto crescere gradualmente durante la stagione ritagliandosi comunque un ruolo importante in squadra”. Continua a leggere

Share

L’INTERVISTA DELLA SETTIMANA: Oleodinamica lanciata nel finale di stagione, Salvatore punta la Final Four di Coppa Velez

L’Oleodinamica Forlivese si è riscoperta bella in questo finale di stagione e la vittoria sul Crevalcore ha allungato la striscia positiva a quattro giornate con tre vittorie e un pareggio: “Sabato col Crevalcore abbiamo ottenuto un risultato importante offrendo una prestazione di livello – racconta Manuel Salvatore – l’Equipo è la vera sorpresa del campionato che sta dimostrando sul campo di meritarsi un posto ai play-off. Abbiamo preparato molto bene la partita, sapevamo di dover affrontare una squadra che lavora molto bene sugli esterni attaccando spesso il secondo palo. Siamo stati abili ad arginarli chiudendoci quando c’è stato bisogno ma allo stesso tempo diventando cinici quando c’era la possibilità di affondare. Tutte cose che nella prima metà di stagione ci sono sempre mancate”.
“Siamo finalmente tornati ad essere il Forlì che conoscevamo, una squadra unita e quadrata, in ritardo si ma per fortuna non troppo tardi. Il cambio di allenatore ha necessitato di un naturale periodo di adattamento pagando dazio ma dall’anno nuovo abbiamo ritrovato fiducia e risultati che ci hanno permesso di svoltare e conquistare con largo anticipo la salvezza”.
E per un Forlì rinato c’è anche un Salvatore ritrovato: “Situazioni extra sportive mi hanno condizionato durante la stagione riflettendosi sul mio rendimento in campo – continua Salvatore – staff e compagni mi sono sempre stati vicini e una volta sbloccatomi mentalmente anche le mie prestazioni ne hanno beneficiato”. Continua a leggere

Share

L’OLEODINAMICA FORLIVESE NON SI FERMA PIU’: IL POKER AL CREVALCORE VALE IL QUARTO RISULTATO UTILE CONSECUTIVO

FORLI’: Acquisita con largo anticipo la matematica certezza della salvezza l’Oleodinamica Forlivese di mister Mingozzi risponde con una rotonda vittoria contro il malcapitato Crevalcore a chi pensava che i forlivesi avessero la pancia piena e la testa già alle Final Four di Coppa Velez che si giocheranno a fine stagione. Il poker inflitto all’Equipo vale il quarto risultato utile consecutivo, tre vittorie ed un pareggio che permettono al Forlì di consolidare il sesto posto in classifica salendo a quota 28 punti a sole quattro lunghezze proprio dall’Equipo. Sabato prossimo ultima trasferta stagionale sul campo del Sassuolo, poi dopo un pausa di quindici giorni si tornerà in campo sabato 6 aprile per l’ultima giornata di campionato dove al Pala Marabini arriverà il Baraccaluga.

LA PARTITA: Dopo solo 15” Forlì in vantaggio: Di Maio mette un bel filtrante per La Corte che in scivolata anticipa l’uscita di Durante e lo beffa con un tocco di punta nell’angolino sinistro. Al 2′ primo squillo degli ospiti con un diagonale di Forni su cui Beltran si allunga e mette in corner. Al 4′ Benhya lancia Di Maio a tu per tu con Durante ma disturbato calcia di punta alto. Al 5′ ancora Forlì vicinissimo al raddoppio sempre sull’asse Benhya – Di Maio, uno due nello stretto e rasoterra di Benhya che si stampa sul palo. Sul ribaltamento di fronte Garofalo innesca Forni che a tu per tu con Beltran si fa ipnotizzare dall’uscita del numero uno forlivese. All’11’ si accende Marzo che salta anche Beltran ma da posizione defilata colpisce il palo. Scampato il pericolo torna fuori il Forlì: al 11′ Salvatore mette scompiglio nell’area ospite ma la difesa dell’Equipo si salva in due tempi, al 14′ Albu ci prova dalla distanza, secondo palo di giornata per i galletti. Al 15′ il forcing forlivese sfocia nel meritato due a zero: Albu dribbla sull’out di sinistra e lascia partire un diagonale di punta che si insacca con l’aiuto del palo nell’angolino basso dove Durante non può arrivare. Al 16′ Kasmi sfiora il palo con un rasoterra mentre al 17′ terzo palo per l’Oleodinamica: Albu libera in area Castorri che gira in porta ma il legno gli nega il gol a Durante battuto. Forlì non capitalizza il predominio e al 18′ subisce la beffa: da un corner dalla destra Di Ronza libera Biasi al limite dell’area che la trova l’1-2 con una botta sotto la traversa. Prima dell’intervallo altra occasione per Forlì per allungare, Beltran lancia lungo per Di Maio che arpiona il pallone e calcia a botta sicura, Durante si immola e porta la contesa all’intervallo sul 2-1. Continua a leggere

Share

L’INTERVISTA DELLA SETTIMANA: Oleodinamica Forlivese salva con largo anticipo, mister Mingozzi ci racconta il suo capolavoro

Con la vittoria di sabato scorso sul campo della X Martiri l’Oleodinamica Forlivese ha potuto festeggiare all’aritmetica salvezza diretta con tre giornate d’anticipo, traguardo già comunque ipotecato dopo la vittoria di Imola di quindici giorni fa.
Una vittoria quella di sabato a Ferrara che ha replicato quella dell’andata dove le scelte tattiche di mister Mingozzi hanno messo ancora una volta in difficoltà i ferraresi: “L’approccio tattico che abbiamo adottato nelle due sfide contro la X Martiri si è rivelato sicuramente proficuo, lasciare poco spazio alle nostre spalle ad una squadra con un buon giro palla e buona tecnica è stata la scelta giusta – spiega il tecnico forlivese- sono state comunque due partite diverse, all’andata era il mio esordio, c’erano stimoli, sensazioni e motivazioni diverse dovute alla situazione particolare che si era creata mentre quella di sabato scorso è stata una partita più preparata e più lucida da un punto di vista delle situazioni di gioco. Se la prima volta è sempre la più bella, quella di sabato mi ha dato sicuramente più soddisfazione. Ma l’aspetto più importante che tengo a sottolineare è l’atteggiamento umile, positivo e propositivo dei miei ragazzi che ci ha permesso di ottenere questa salvezza con largo anticipo”.
Salvezza diretta che era pura utopia nell’autunno scorso quando mister Mingozzi rilevò le redini della squadra al terzultimo posto, in piena zona play out con solo sei punti raccolti in altrettante gare giocate: “Sinceramente quando ho cominciato pensavo poco alla situazione di classifica e ancor meno a quando avremmo raggiunto l’obiettivo – continua mister Mingozzi – l’aspetto che più mi interessava era essere credibile agli occhi dei ragazzi e riuscire a tirare fuori in ognuno di noi, me compreso, un qualcosa in più che in quel momento non ci riusciva”.
E tra alti e bassi la missione è stata compiuta: “Il momento più duro della mia gestione è stata senza ombra di dubbio la sconfitta con Faenza, non tanto per il risultato in sé ma per le dimensioni e la prestazione offerta. Il momento in assoluto più importante è stata invece la partita di Imola: una gara in controllo, dove un paio di situazioni sfavorevoli l’hanno riaperta. In quel momento l’umiltà dei ragazzi e la voglia di portarla a casa in qualunque modo sono state decisive. Questa vittoria ci ha poi dato lo slancio per gli ultimi risultati positivi dove al cospetto di squadre di vertice, nonostante in ambo le occasioni siamo passati in svantaggio, siamo riusciti a ribaltare il risultato cosa che durante tutto l’arco della stagione non ci era mai riuscita”. Continua a leggere

Share