Archivi categoria: Stagione 2022/23

Che colpo Ghirelli!! Il capocannoniere del passato campionato Artoum Younes approda a Forlì

Un colpo di mercato che può spostare gli equilibri; il marocchino classe 1989 Artoum Younes, capocannoniere del passato campionato di serie C1 con 30 gol, svincolatosi dal Santa Sofia, accetta l’offerta del diesse Ghirelli e guiderà l’attacco forlivese nel prossimo campionato: “È stata una trattativa rapida perché fin dall’inizio Younes si è subito dimostrato interessato a venire a Forlì – gonfia il petto il diesse – è sicuramente un giocatore che non scopro io e che ha dimostrato negli anni le sue qualità ,un profilo che ci permette di colmare alcune alcune del nostro roster in una zona del campo dove lo scorso anno eravamo carenti. Sono sicuro che Younes ci darà una grande mano e che si integrerà al meglio nel nostro spogliatoio”.

Laterale offensivo dalle spiccate doti offensive, Younes arriva in Italia all’età di 9 anni e all’età di 18 anni si avvicina al futsal entrando nel settore giovanile del Santa Sofia. Anno dopo anno Younes scala le gerarchie della società bidentina e a suon di gol ne diventa il terminale offensivo temuto in tutta la regione: “Sarò per sempre grato al Santa Sofia per questi fantastici anni passati assieme dove sono cresciuto sia come atleta che come uomo – racconta Artoum – ma ho ritenuto che a 33 anni era arrivato il momento di provare una nuova avventura alzando l’asticella degli obiettivi”.

“E’ stato facile per me scegliere Forlì – continua il nuovo bomber forlivese – arrivo in società blasonata, organizzata e con tanta ambizione, il posto giusto per trovare nuovi stimoli e cercare di confermarmi a livello realizzativo tra i migliori marcatori della categoria per dare il mio contributo alla squadra per confermarsi ai vertici della categoria”. Continua a leggere

Share

Di Maio ancora biancorosso: il pivot forlivese rinnova per un altra stagione

Un altro dei senatori dello spogliatoio forlivese rinnova, il pivot biancorosso Valerio Di Maio vestirà anche in questa stagione la casacca biancorossa, per il 25enne sarà la nona consecutiva: “Conosco Valerio da quando aveva sedici anni e l’ho visto crescere sia come atleta sia come uomo – racconta il diesse Ghirelli – è un ragazzo con una serietà smisurata che dopo un percorso importante nonostante sia ancora giovane è chiamato al definitivo salto di qualità. Lui lo sa, ne abbiamo parlato senza giri di parole, quest’anno da lui pretendo di più. Durante la settimana Valerio è un modello da seguire e un trascinatore ma purtroppo il sabato nei 60 minuti capita che le sue prestazioni non rispecchino quello che si vede in settimana come qualcosa lo bloccasse. E’ arrivato il momento che faccia questo definitivo salto di qualità a livello mentale per tornare ad essere un protagonista assoluto. Sono certo che ce la metterà tutta per dimostrarci quello che vale”.
La carriera: nato nel dicembre del 1997, Valerio fin da piccolissimo si cimenta fra i pali con ottimi risultati infatti dal Vecchiazzano viene ingaggiato dal più blasonato Forlì calcio. Ma la porta gli va stretta e la voglia di buttarla dentro lo spinge a cimentarsi nel futsal nel ruolo totalmente opposto, quello di pivot. I risultanti sono subito eclatanti infatti alla sua prima stagione nel 2014 nella juniores del Calcio a cinque Forlì segna più di 30 reti e dalla stagione successiva appena diciassettenne si divide fra under 21 e prima squadra. Le 25 reti nel campionato under 21 permettono alla allora formazione allenata da capitan Cangini di qualificarsi ai play off scudetto dove la corsa però si interrompe ai trentaduesimi. Nella stagione successiva Di Maio inizia la stagione alla corte di Matteucci aggregato in pianta stabile alla prima squadra che partecipa al campionato cadetto ma poi a dicembre sceglie di scendere in serie D per trovare maggiore continuità e minutaggio. Continua a leggere

Share

MERCATO: L”EX FORLIMPOPOLI LORENZO PANARA APPRODA AL FORLI’

Non si ferma l’incessante lavoro del diesse forlivese Maicol Ghirelli che piazza un colpo di mercato veramente interessante tesserando il laterale ambidestro dalle spiccate doti offensive Lorenzo Panara: “E’ un prospetto che abbiamo seguito a lungo la scorsa stagione anche al di fuori delle gare giocate contro di noi in Coppa e Campionato – spiega il direttore – il suo nome è stato il primo venuto fuori nei miei dialoghi con mister Vespignani, poi una volta contattato ci ha mostrato da subito la sua voglia e la sua fame di vestire la nostra maglia e questo ha facilitato le cose”
“Gran merito per il buon esito della trattativa va al nostro dirigente e mio braccio destro Federico Rustignoli – conclude Ghirelli – grazie al suo lavoro Lorenzo ha potuto sistemare alcune sue situazioni a livello logistico che gli permetteranno dalla prossima stagione di vestire la nostra maglia. Siamo molto felici di averlo a Forlì e riponiamo in lui grosse aspettative”. Continua a leggere

Share

Si muove il mercato in entrata: col ritorno di Lamorgese si completa il parco portieri

Con il ritorno in maglia forlivese di Leonardo Lamorgese, svicolatosi dal Santa Sofia, si va a completare il parco portieri a disposizione di mister Vespignani: “Abbiamo scelto Leo perché ci ha dimostrato la voglia e la fame giusta per indossare la nostra maglia – spiega il diesse Ghirelli – parliamo di un classe 97 della zona che rispecchia a pieno la nostra politica. Leo era già stato qui un anno e mezzo fa e avevamo avuto modo di conoscerci anche se quel campionato fermato dal Covid durò solo un paio di mesi. Ci eravamo salutati con la promessa che un giorno sarebbe tornato per restare, quel giorno è finalmente arrivato e siamo molto contenti di questo”.
Classe 1997 Leonardo nasce in provincia di Foggia a San Giovanni Rotondo ma si trasferisce fin da piccolo nella Valle del Bidente dove comincia giocare a calcio a 11 nella società bidentina. All’età di 13 anni Leonardo si innamora del futsal ed entra a far parte del settore giovanile del Santa Sofia Calcio a 5. Si fa tutta la trafila delle giovanili per poi esordire giovanissimo in prima squadra in C1 togliendosi anche la soddisfazione nel 2017 di vincere il campionato regionale di serie C2 da protagonista riscattando la retrocessione della precedente stagione.
Dieci anni a rappresentare la squadra del proprio paese con anima e cuore con un finale un po’ amaro: “Nell’estate del 2020 il Santa Sofia decise di non confermarmi e così approdai qui a Forlì in prestito – racconta Lamorgese – sin dal primo giorno mi sono sentito a casa, purtroppo la stagione fu fermata dal Covid, ma la serietà dei compagni e soprattutto della società ha fatto si che noi potessimo comunque svolgere il campionato interregionale in primavera. Da lì ho capito che Forlì era la squadra che facesse per me, serietà e disponibilità in un momento così difficile mi hanno fatto proprio sentire coinvolto e a casa anche se ero arrivato solamente da alcuni mesi.
A fine stagione in accordo con il diesse Ghirelli avevamo l’intenzione di continuare assieme il nostro percorso ma per problemi di vincolo sono tornato al Santa Sofia dove fondamentalmente mi sono tolto tante soddisfazioni personali per le quale sono molto contento”.
Ma chiusa una porta si apre un portone: “Ora che mi sono potuto svincolare la mia priorità era Forlì ed essendo già stato in questa grande famiglia non ho avuto nessun dubbio nell’accettare la proposta di Ghirelli. Lasciare Santa Sofia per me è come lasciare casa, ho giocato li 12 anni e posso solamente ringraziare ma è arrivato il momento di dare una svolta alla mia carriera e provare ad andare in una società che sicuramente ha obbiettivi diversi”.
Parole da giocatore navigato nonostante la giovane età, da parte di un ragazzo consapevole di doversi giocare il posto con mostro sacro della storia forlivese come Davide Cassano: “Conosco molto bene la storia del Forlì e mi sento orgoglioso che ancora una volta il diesse Ghirelli e tutta la società mi abbiano cercato. Torno in una società molto organizzata che crede nel suo progetto e nel valore dei suoi giocatori, io non posso che ripagarli con l’impegno e la voglia di fare bene per portare ancora più in altro questa grande società – conclude Leo – sono sicuro che lavorare con Davide e Alessandro potrà farmi crescere, sono molto contento di potermi confrontare con un portiere esperto come Cassano e, perché no, magari qualche volta provare anche a fregargli il posto. La passata stagione il Forlì ha concluso il suo campionato al terzo posto, giocando i play-off e facendo un buon cammino in Coppa Italia. Sono convinto che con le conferme già arrivate e con i movimenti in ingresso che sicuramente il nostro direttore riuscirà a concludere potremo confermarci e perché non provare a fare meglio per continuare a far sognare i nostri tifosi”.

Share

ALESSANDRO SIMONE ANCORA BIANCOROSSO, IL GIOVANE PORTIERE FORLIVESE RINNOVA

Un altra importante riconferma in casa biancorossa col giovane portiere Alessandro Simone che difenderà i pali della porta forlivese per la seconda stagione consecutiva al fianco del titolare Davide Cassano.
Per Alessandro, classe 2000 arrivato a Forlì nel dicembre 2021 alla sua prima esperienza assoluta nel futsal, cresceranno sicuramente le responsabilità e di conseguenza le pressioni dopo il ritiro dall’attività agonistica dello storico numero dodici forlivese Andrea Ragazzini: “Alessandro è stato una piacevole scoperta lo scorso anno – spiega Ghirelli – un ragazzo del 2000 di Forlì con un potenziale veramente importante. Abbiamo ancora tutti negli occhi il suo esordio assoluto nell’ultima giornata del girone d’andata in casa del Parma dove con una tranquillità da veterano ha festeggiato il suo esordio con un cleen sheet”. Continua a leggere

Share